#evisserofeliciecontenti

Nello scorso articolo avevo evidenziato quanto avessi puntato e quanto ci sarebbe ancora da puntare su una location come quella di Palazzo Chigi a Formello, a pochi chilometri a Nord di Roma. Rimandandovi a quel post (se ancora non lo aveste letto, dategli la precedenza) per la spiegazione di un nome tanto altisonante, è interessante qui raccontarvi perché questo palazzo racchiude in sé tutte le particolarità che contribuiscono a rendere magico un evento tanto importante come il matrimonio. 

Dal grande portone si accede, dopo una brevissima scalinata ad ampi gradoni, a un grande chiostro il cui perimetro porticato ospita alcuni pezzi di archeologia. Questo spazio, che risulta per altro quasi sempre in ombra grazie alle mura del palazzo stesso, permette di allestire due navate di chiavarine per un totale di circa 60 posti e un tavolo finale per l’officiante. L’ambiente risulta intimo e avvolgente nonostante si stia, di fatto, all’aperto e la quasi totale assenza di traffico (il palazzo si trova in zona ztl, ndr) permetterebbe addirittura di rinunciare a un’amplificazione del celebrante e degli sposi. Nel porticato, poi, spesso vengono ospitati i musicisti che accompagnano il rito restando al bisogno completamente invisibili agli ospiti. 

Lo stesso chiostro, come vedete nelle foto, può ospitare anche il ricevimento vero e proprio, laddove - per esempio - gli sposi decidessero di celebrare il rito religioso nell’adiacente chiesa di S. Lorenzo; ma all’interno del complesso sono presenti diverse altre soluzioni facilmente modulabili anche e soprattutto in considerazione del numero di invitati. La terrazza potrebbe essere perfetta per un brindisi dopo l’agognato o per un angolo lounge dopo la cena.

La Sala Grande può essere utilizzata come perfetto piano B qualora il tempo non fosse benevolo o, ancora, per il pranzo o la cena. Il doppio accesso, inoltre, garantisce un’agile passaggio di camerieri e maître che avrebbero spazi dedicati nelle stanze vicine. 

Palazzo Chigi è dunque una soluzione perfetta per quanti desiderano una location per matrimonio lontana dal caos di Roma ma facilmente raggiungibile, decisamente esclusiva e diversa da quella che è l’attuale offerta sulla Capitale. Esclusiva perché - diciamoci la verità - quanti di voi non vorrebbero sposarsi in un palazzo del ‘600, circondati da un museo, da reperti archeologici di grande valore e da sale affrescate? Noi ci crediamo e ci abbiamo creduto, e tutti gli sposi che abbiamo accompagnato vissero felici e contenti.


home


leggi anche:

Using Format